Grazie alla collaborazione, alle sinergie messe in campo e al percorso di accompagnamento congiunto fatto da FWA, QuBì Quarto Oggiaro e altre realtà presenti sul territorio come Coop A&I è stato possibile ottimizzare il lavoro di tutti e ottenere risultati di successo per una giovane e coraggiosa donna.

Vincere la timidezza e avere il coraggio di chiedere aiuto, per una giovane madre in difficoltà, poteva sembrare qualcosa di estremamente difficile da compiere. Ma la determinazione di Aicha parte proprio con un’azione precisa come quella di bussare allo sportello di prossimità di Quarto Oggiaro.

La seconda vita di Aicha inizia proprio così, nel luglio 2022, quando arriva allo sportello delle reti QuBì del suo quartiere, Quarto Oggiaro. Quella che poteva sembrare una richiesta banale, in un momento di calura estiva, in realtà nascondeva la complessità di una quotidianità intricata, fatta di sfide personali, difficoltà economiche e relazioni familiari complesse. Una storia in piena regola di autodeterminazione e emancipazione femminile!

Aicha cercava aiuto per iscrivere la figlia a un centro estivo che offrisse anche supporto nello studio, in preparazione per il passaggio alla prima media a settembre. Nonostante fosse troppo tardi per l’inserimento nei Centri Estivi, grazie all’azione della rete QuBì Quarto, Aicha riesce a iscrivere la figlia a un doposcuola, e come in una fortunata concatenazione di slanci decide di iscriversi al Cpia per migliorare la sua conoscenza della lingua italiana. Da quel primo incontro allo sportello di prossimità di Quarto Oggiaro, sono seguiti altri incontri ed è grazie alla sensibilità di coloro che l’hanno ascoltata che è emersa una situazione conflittuale con il marito. Un’ulteriore grande sfida da affrontare che, a chi rimane senza amicizie o inserimento reale in una comunità, risulta troppo spesso impossibile.

Questo percorso con FWA e con la rete QuBì Quarto mi ha fatto sentire bene, meglio di prima, più sicura. Come se mi avesse dato giorno dopo giorno l’energia per affrontare il dolore, una spinta in più, uno slancio verso un nuovo futuro e nuove opportunità.

Aicha

È così che grazie a facilitazioni per l’accesso agli aiuti alimentari al socialmarket di Ibva, e alla partecipazione di Aicha agli eventi di comunità di QuBì Quarto, come i pranzi condivisi, partecipati tra mamme, è riuscita a crearsi una rete sociale di sostegno e amicizie nuove, che non la facessero più sentire sola e in una situazione familiare disagiata. Anche per questo, nel corso dell’estate, Aicha riesce a ottenere il divorzio dal marito in Marocco, un passo significativo verso la sua emancipazione.

A giugno del 2023, Aicha sostiene e supera l’esame di terza media presso il Cpia e si iscrive a un corso per mediatrice culturale, mentre a settembre dello stesso anno, sempre allo sportello Qubì di Quarto Oggiaro, scopre il programma Tèlos di FWA, che accoglie con grande entusiasmo.

L’avvincente percorso di Aicha, sostenuta con determinazione dal Case Management FWA, è una straordinaria storia di resilienza e crescita personale. L’obiettivo principale di FWA è quello di guidarla nella ricerca di un lavoro che la renda autonoma che non solo le permetta di rinnovare il permesso di soggiorno, ma che la aiuti a stabilizzare la sua vita economica e abitativa, complicata dal divorzio. Con il sostegno di FWA, Aicha sceglie di attivare la misura GOAL insieme alla Coop A&I, presentando richieste per un alloggio popolare e partecipando a colloqui presso diverse agenzie di lavoro. Il risultato? A febbraio inizierà un tirocinio come addetta mensa in una scuola di Nerviano, con la prospettiva di ottenere un contratto a tempo indeterminato entro settembre.

Un trionfo reso possibile grazie alla dedizione della Coop A&I e all’innovativo progetto GOAL. Ma la sfida non è finita e la nostra rete, composta dai centri di Ascolto Qubì, dalla Fondazione Archè e dalla Casa della Carità, lavora instancabilmente per trovare una sistemazione temporanea per Aicha e la figlia. Nel frattempo, la sua passione e competenza nell’insegnare arabo stanno trasformando la vita dei bambini nel quartiere di San Siro. Un autentico faro di speranza e insegnamento, Aicha si è impegnata nell’istruzione informale di una classe di 21 alunni nel quartiere San Siro, aprendo le porte a un futuro doposcuola di arabo per i piccoli delle elementari grazie al servizio condiviso WeMI che vorremmo portare anche a Quarto Oggiaro. Ad oggi il coinvolgimento di Aicha nell’ambito del nostro progetto Tèlos, con una durata di 12-18 mesi, mira a garantire la stabilità socioeconomica e abitativa per questa giovane e coraggiosa donna. La sua forza d’animo e la determinazione ad affrontare le sfide con coraggio emergono in ogni passo.

La sua storia è un inno di resilienza e speranza, dice “questo percorso con FWA e con la rete QuBì Quarto mi ha fatto sentire bene, meglio di prima, più sicura. Come se mi avesse dato giorno dopo giorno l’energia per affrontare il dolore, una spinta in più, uno slancio verso un nuovo futuro e nuove opportunità”. Continueremo a sostenerla in questo straordinario percorso di trasformazione sino alla fine del suo percorso con Télos, così come continueremo a collaborare in rete con gli enti del territorio per aiutare altre persone e affrontare con loro nuove sfide.

Milano, febbraio 2024